Lavori di dragaggio nel porto di Piombino

Premessa

Situato al confine tra il Mar Ligure e il Mar Tirreno, il porto di Piombino è un importante polo industriale e turistico. Numerosi traghetti lo collegano alle antistanti isole d'Elba, Corsica e Sardegna. Inoltre, il porto rifornisce l'industria metallurgica e siderurgica dell'entroterra toscano. 
Per garantire un incremento del traffico portuale, si e’ reso necessario un dragaggio di manutenzione dei fondali.

La nostra soluzione

Il progetto e’ stato concepito per il rilancio del Porto di Piombino attraverso la riqualificazione ed il potenziamento dell’infrastruttura portuale mediante l’approfondimento fino a quota – 20 m del canale di accesso, del bacino di evoluzione e dell’area prospiciente la banchina di nuova costruzione nell’ambito del Porto.

Il materiale dragato, pari a m3 2.883.000 e’ stato refluito in 2 aree di colmata in base alla propria tipologia (contaminato o non contaminato).

I lavori sono stati eseguiti da 3 draghe DEME: la TSHD ORWELL, la TSHD PALLIETER e la CSD AMAZONE. L’utilizzo combinato dei tre mezzi ha consentito il dragaggio contemporaneo di materiali sciolti e materiali rocciosi, accorciando notevolmente i tempi di esecuzione rispetto al cronoprogramma originario. 

Vuoi informazioni su SIDRA?